Casa in affitto: ottimizzare gli spazi

Sappiamo bene come vivere in un abitazione in affitto, oggi più che mai, sia una scelta obbligata. L'acquisto di una nuova casa, infatti, sempre più richiede costi e disponibilità economiche di un certo spessore. Non da ultimo la difficoltà per i giovani di accedere al credito, ovvero di ottenere mutui sostenibili nel tempo.
Per questo, l'alternativa spesso è prendere un abitazione in affitto. Ma quando ciò accade, il problema e le domande si spostano su di un altro fronte.

Quali sono le spese che devo sostenere? Posso fare lavori di ristrutturazione? Come e quanto posso agire? Devo fare un trasloco: cosa mi devo regolare? Posso personalizzarla?

Verrebbe da dire, contratto che fai probelma che trovi. Tempo fa ci siamo trovati a gestire un trasloco da Firenze a Siena con relativo progetto di riorganizzazione degli spazi interni di una nuova abitazione. C'era la necessità di coniugare le esigenze del cliente con le caratteristiche tecniche e strutturali dell'immobile. Il problema risiedeva nel fatto che, a fronte di un committente abbastanza esigente, c'era la natura contrattuale abbastanza limitante: il nuovo inquilino avevo optato per un contratto di affitto ed il proprietario dell'immobile era abbastanza restio nel concedere libertà di movimento al cliente: opere di abbellimento sì, opere strutturali di modifica no.

In casi come questi, la professionalità e l'esperienza può giocare un ruolo sicuramente strategico: una soluzione esiste sempre, se sai come e dove cercarla! Ecco, ti consigliamo per il momento queste dieci idee per disporre ed organizzare gli spazi all'interno di un abitazione in affitto.


Per migliorare l'esperienza di navigazione questo sito utilizza cookies, anche di terze parti, clicca su "consento" per abilitarne l'uso. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la nostra informativa completa. Consento